In occasione del Festival di Cannes 2017 abbiamo avuto il piacere di partecipare ad un incontro riservato  presso il The American Pavilion con l’attore Paul Dano, protagonista del film Okja in concorso per la Palma d’Oro.

Paul Dano è un artista a 360 gradi molto apprezzato del cinema americano e potremmo definire il suo Love & Mercy uscito sulla storia dei Beach Boys come la consacrazione per le critiche positive ricevute, ma ha avuto già occasione di lavorare con grandissimi filmaker come ad esempio Paolo Sorrentino che lo porto’ sulla croisette per il suo Youth. Presso l’American Pavilion abbiamo avuto il piacere di partecipare ad una conversazione riservata con Paul Dano a cui hanno preso parte studenti iscritti proprio presso il Padiglione USA. Una grande occasione di parlare dei suoi film, ma anche di Netlix e dell’ormai onnipresente polemica accesa dal presidente Almodovar sui film in concorso prodotti dalla piattaforma di streaming numero uno al mondo.

Com’ è stato lavorare nel film Okja?

“E’ stato molto piacevole lavorare con il regista coreano. Siamo diventati amici di penna ed e’ stato bello lavorare insieme. Non so davvero pero’ come sia stato realizzato il processo creativo”.

Tu sei stato a a Cannes due anni fa con Paolo Sorrentino, ma com’e’ lavorare con un filmaker che parla una lingua diversa dalla tua?

“Si ho adorato quel film e lavorare con Paolo e ho collaborato con lui per la costruzione del mio personaggio. Lavorare con filmaker di altri paesi e’ molto interessante e lo e’ stato anche farlo con il regista coreano. Ha avuto uno stile molto preciso sul set lasciando poco spazio all’improvvisazione e seguendo il copione alla lettera”.

Come cambia il lavoro dell’attore quando si passa dallo script al set?

“Si, cambia molto perche’ prima c’e’ il lavoro sullo script con gli storyboard artist poi pero’ e’ cambiato molto nel caso di Okja perche’ dovevamo anche immaginare determinate scene che poi sarebbero state modificate con il computer con l’aggiunta della creatura ed anche seguire la camera con attenzione senza sbagliare. Mi ha sorpreso molto il tono del film, c’era molto humor e in definitiva e’ stata davvero un’esperienza gratificante”

IMG_9228

Quali sono i progetti che ti piace scegliere?

“Cerco sempre di scegliere dei buoni copioni e decidere per il meglio, vado molto a naso e a sensazioni. Nelle mie performance cerco comunque di essere me stesso e’ importante fare le scelte giuste e dare sempre il massimo nelle perfomarnce, poi lavorare con delle star ad esempio Daniel Day Lewis aiuta.

Immagina di entrare in una videoteca e cercare Okja, non potrai farlo.

“Si lo so e’ il problema di oggi con Netflix e con queste piattoforme, ad esempio un film come Little Miss Sunshine viene aiutato da queste nuove tecnologie ma ormai il modello di distribuzione sta cambiando”.

Hai anche esordito di recente alla regia

“Io lavorato come regista in Wildlife che e’ in post produzione, sono molto fortunato di fare questa esperienza fare un film e’ differente dal recitare. Amo moltissimo fare queste nuove esperienze”.

Tu hai recitato in tanti personaggi differenti per te Okja e’ stato differente rispetto agli altri ruoli.

No, lavoro sempre nella stessa maniera cercando di rispondere alle esigenze o richieste che il regista mi fa”.

Com’e’ dirigere te stesso?

Si e’ vero e’ differente, lo so ma io ho lavorato per me stesso nel film che ho fatto.

Vorrei sapere il punto della vista dell’attore e del regista visto che tu sei entrambe le cose.

Si per me la cosa più importante e cercare di lavorare per me stesso e cercare con gli altri attori troupe etc. trovare il giusto equilibrio e questo e’ molto differente dal recitare e basta. Ma mi piace lavorare con i giovani per avere sempre dei punti di vista freschi.

IMG_9233

Ma dove hai comprato queste scarpe particolari?

Ero a new york e mi sono piaciute.

Okja e’ un film documentario?

Si il film non e’ un documentario ma ha una sua idea che viene seguita. Okja e’ stato ben realizzato il regista ha cercato di dare grande valore alla storia ai personaggi e fatto tante ricerche a riguardo, e sono curioso poi di vedere l’impatto che avrà sul pubblico.

Ho amato Little Miss Sunshine per le musiche, quanto contano per te le collaborazioni tra compositore e regista?

“Sono fan di Daniels e dei video che ha realizzato, sono veramente particolari. Si e’ vero la musica nel processo in un film e’ fondamentale, quando ha una parte cosi importante del film e’ necessario creare un grande feeling.

La differenza tra pubblico di cinema e tv secondo te.

Si io penso che questo film sia destinato ad un grande pubblico, credo che ci sia spazio per tutti ed il pubblico lo apprezzera’.

Quale hai preferito tra le tue esperienze di attore?

Okja e’ stata la mia esperienza di attore preferita, un lavoro davvero interessante ogni giorno insieme al regista.

IMG_9195


Commenta su Facebook!

Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

View all posts
Inline
Inline

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi