Per celebrare Gregory Peck che avrebbe compiuto 100 anni, a Piazza di Spagna la proiezione del film alla presenza dei figli

 

Serata in stile tempi d’oro del cinema ieri a Piazza di Spagna: per celebrare i 100 anni di Gregory Peck per la prima volta nella storia è stata proiettata sul grande schermo la versione originale di “Vacanze romane”, uno dei suoi film cult, che lanciò l’icona Audrey Hepburn, e le permise di vincere il Premio Oscar alla sua prima interpretazione da protagonista. La serata è stata preceduta da un red carpet lungo tutta via Condotti, che per l’evento ha tenuto i negozi aperti fino a mezzanotte, con le vetrine addobbate per l’occasione.

 

A Palazzo Torlonia, invece, prima della proiezione abbiamo incontrato i figli del grandissimo attore americano, premio Oscar per la sua interpretazione di Atticus Finch ne “Il buio oltre la siepe”. Anthony e Cecilia Peck hanno posato per i fotografi davanti alla foto del celebre papà e alla Vespa di “Roman Holiday”, in compagnia dei figli di Audrey Hepburn, Sean (avuto dal primo marito, l’attore Mel Ferrer) e Luca (figlio del marito italiano, il medico Andrea Dotti). In particolare un gentilissimo Sean Ferrer – autore di un bel libro sulla splendida mamma, scritto per raccogliere fondi per la Audrey Hepburn Children’s Fund – ci ha raccontato un aneddoto molto bello su Gregory Peck:

“Per noi era come uno zio, con mamma erano diventati molto amici, soprattutto dopo che lui si era comportato da vero signore durante le riprese di “Vacanze romane” . Mamma allora era una sconosciuta, scoperta dalla scrittrice Colette e scritturata per interpretare il suo “Gigi” a Broadway, ma alla sua prima prova da protagonista al cinema. Pertanto era stato stabilito che il suo nome sarebbe stato inserito dopo il nome di Gregory Peck che ne era la star e sotto il titolo del film. Ma Gregory a metà della lavorazione chiamò il suo agente e insistette perchè il nome di mamma fosse messo accanto al suo con gli stessi caratteri prima del titolo, e alla replica dell’agente che sosteneva che lei era una sconosciuta egli ribattè: ‘Credimi, dopo questo film non lo sarà più’, e così è stato. Non esistono più dei veri signori come lui, al giorno d’oggi.”

img_0627

 

Infine, nella splendida e suggestiva cornice di Piazza di Spagna, gremita di invitati e aperta al pubblico, alla presenza anche di alcuni ospiti, tra cui il nostro Massimo Ghini, e l’ambasciatore americano in Italia, ha avuto luogo la proiezione del sempre incantevole film, una favola senza tempo con due straordinari protagonisti che per due ore, nonostante il freddo, ci ha riportati in una Roma che non c’è più e in un’epoca in cui tutto era più bello.

img_0648

 


Commenta su Facebook!

Francesco Arcudi

Francesco Arcudi è originario di Reggio Calabria, Farmacista, studia canto da 25 anni e da sempre è interessato alla musica e al cinema. Ha collaborato con varie testate locali e nazionali, ed è stato inviato per anni alla Mostra del Cinema di Venezia, alla Festa del Cinema di Roma e ad altri eventi cinematografici e musicali.

View all posts

RSS I Film in uscita

Inline
Inline