Patrizia Mirigliani a Verissimo: “Ho denunciato mio figlio per salvarlo”

Patrizia Mirigliani racconta il suo dramma a Verissimo, parlando della lotta al fianco del figlio Nicola per combattere la sua tossicodipendenza. Il ragazzo ha iniziato a fare uso di stupefacenti quando aveva solo 18 anni. “Sta facendo un percorso terapeutico”, dice la patron di Miss Italia, “ma oggi ha raggiunto una nuova consapevolezza: ha capito che le droghe tolgono la coscienza”.

Patrizia Mirigliani ha ripercorso alcuni dei momenti più sofferti che ha dovuto vivere in passato. Fra cui la decisione di denunciare il figlio per poterlo salvare. “Non c’era altra soluzione”, sottolinea di fronte alle telecamere di Silvia Toffanin.

Patrizia Mirigliani a Verissimo: “Spero che Nicola un giorno possa diventare un punto di riferimento”

Non ha mai perso le speranze Patrizia Mirigliani, fin da quando ha scoperto che il figlio Nicola si era smarrito. Oggi 32enne, è finito nel giro della droga quando ne aveva appena 18. “Aveva bisogno di più amore”, dice la madre, “il problema è stato causato dal mondo intorno, a scuola ha subito tanto bullismo”. La patron di Miss Italia è arrivata anche a denunciare il figlio per poterlo salvare. “Quando si prende una decisione come questa lo si fa perchè si è soli”, aggiunge, “la pietà di una madre non aiuta un figlio”. Nicola le chiedeva soldi di continuo e le sue richieste aumentavano quando aveva bisogno delle droghe. “Quando è arrivata la denuncia si è voluto vendicare raccontando tutto alla stampa”, prosegue, “oggi però mi ringrazia perchè gli ho dato modo di pensare, ha capito che per fare questo ero disperata”.

Di fronte a quella guerra così difficile, Patrizia Mirigliani si è ritrovata da sola. L’ex marito Antonello Pisu, il padre di Nicola, non sarebbe stato presente. “Ho difeso sempre la figura del papà di Nicola perchè è suo padre”, ha detto tempo fa a Domenica In, “l’ho difesa anche quando era indifendibile. Io e Nicola vivevamo a Roma, lui a Trento. Aveva un’altra famiglia. Però nonè mai stato così presente in una situazione in cui avrebbe dovuto esserlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *