Home » Netflix » Death Note: Adam Wingard svela importanti dettagli sul film

Il regista di Death Note Adam Wingard ha parlato delle inevitabili differenze tra il manga e il film. Scopriamo insieme quali

 25 Agosto 2017. Questa la data in cui la celebre piattaforma di streaming Netflix rilascerà Death Note, il live-action ispirato all’omonimo manga ideato e scritto da Tsugumi Ōba. Sono moltissimi i fan in attesa di assistere alla pellicola, ma attenzione, il regista del film Adam Wingard ci ha già avvertito: le differenze rispetto al manga da cui è tratta la storia di Death Note saranno molte e particolarmente evidenti.

Death Note Manga Light

Nel manga originale, infatti, il protagonista è Light Yagami, uno studente modello che trova per terra un misterioso quaderno nero, il “Death Note” per l’appunto, che uccide qualunque umano il cui nome sarà scritto su di esso. Benchè scettico, dopo aver fatto uso del Death Note contro due criminali, Light si ricrede e incontra il proprietario originario del quaderno, il Dio della Morte Ryuk.

Ryuk, tra l’altro, sembrerebbe essere il solo elemento rimasto inalterato nel passaggio di Death Note da manga a film. Nella pellicola originale targata Netflix, infatti, il cognome di Light è Turner e l’intera vicenda non si svolge a Tokyo, ma a Seattle, nello Stato di Washington. Una mossa che non ha trovato il consenso da parte dei fan di Death Note, fedelissimi al manga, ma che è risultata necessaria per poter sviluppare al meglio il progetto.

Intervistato da IGN, Adam Wingard ha spiegato proprio come il cambiamento della location dal Giappone agli Stati Uniti abbia influito sulla trama di Death Note e sullo sviluppo dei personaggi:

Nelle prime fasi del progetto stavo rileggendo il manga per cercare di capire come trasferire la trama fedelmente in un contesto statunitense, ma Death Note è una cosa dall’impronta troppo giapponese: non potevo semplicemente trasportarlo in un altro continente e aspettarmi che funzionasse. Sono due mondi completamente diversi. Era una di quelle situazioni in cui più provavo a rimanere fedele al 100% al manga, più me ne allontanavo… E’ un Paese diverso, un ambiente differente e stavo cercando di condensare un’intera serie di volumi in un film di due ore. Alla fine sono giunto alla conclusione che temi come il bene e il male e tutto ciò che rientra nella zona grigia tra questi due estremi sono il vero cuore di Death Note ed è quello su cui abbiamo lavorato.

Death Note

Con il cambio di venue, però, Wingard ha ammesso che anche le personalità di alcuni personaggi di Death Note hanno subìto dei drastici cambiamenti, in particolare L, il detective che intende assicurare alla giustizia il misterioso assassino che colpisce i malviventi (vale a dire proprio Light):

L non è lo stesso. Ci sono delle piccole cose in comune col personaggio del manga, ma in fondo il taglio che abbiamo dato al suo personaggio nel film è molto diverso. Una delle cose più entusiasmanti per me è stata prendere il background di L e manipolarlo affinché si adattasse ad un contesto americano fatto di operazioni clandestine e cose di questo genere.

L’impegno mostrato dal regista nella trasposizione del manga è ammirevole, ma sarà abbastanza per ottenere un buon riscontro dai fan di Death Note? Non resta che attendere il prossimo 25 Agosto per scoprirlo!

Leggi anche: PERCHè I FAN SONO CONTRO IL FILM DI DEATH NOTE

Commenta su Facebook!

soniabuongiorno

View all posts

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS I Film in uscita