New Line Cinema presenta il secondo spin-off Annabelle 2 Creation diretto da David F. Sandberg, ecco la recensione del film.

James Wan non immaginava neppure lontanamente nel 2013 che avrebbe creato un franchising tra i più redditizi della storia del cinema nel rapporto budget – incassi al box-office che con il primo capitolo “The Conjuring – L’evocazione” ha incassato 318 milioni nel mondo. È logico che la New Line Cinema abbia deciso di insistere e produrre altri tre capitoli tra cui proprio questo spin-off ” Annabelle 2 Creation “, prequel del primo capitolo sulla bambola assassina che ne narra le origini. Il film diretto da  David F. Sandberg è tra i migliori capitoli in assoluto, superiore al primo Annabelle e ai livelli di The Conjuring. Il regista che stupì tutti con l’opera prima dello scorso anno Lights Out – Terrore nel buio (anch’essa prodotta da James Wan) riesce a creare un episodio perfetto che si collega in modo splendido all’intero universo di The Conjuring con una narrazione efficace e caratterizzante, oltre che naturalmente ricca di suspence e terrore. Un film diviso in due parti, ma che non annoierà mai.

La terrificante immagine di Annabelle in cui si intravede il demonio

La storia anche se è un seuquel è in realtà un vero e proprio prequel di Annabelle che come detto  racconta come i coniugi Mullins costruttori di bambole si siano rivolti al maligno per riabbracciare la loro Bee, che non è però quel che sembra. La loro casa viene “invasa” da delle esuberanti ragazze accompagnate dalla suora che si occupa di loro in attesa che trovino una famiglia e che fanno da preambolo a quanto sta per accadere in ” Annabelle 2 Creation “. Sin da subito si evince che due ragazze siano più affiatate e forse in difficoltà rispetto alle altre, con i loro turbamenti e la sofferenza di sentirsi sole. Sarà proprio la più debole Janice a cadere vittima di una presenza demoniaca fortissima nella casa pronta  a scatenarsi in ” Annabelle 2 Creation “. Il signore e la signora Mullins non possono nulla per fermare il richiamo del male, un qualcosa di forte e assolutamente spaventoso in Annabelle. Il modo in cui arriva, senza cadere nella banalità e attraverso una scrittura intrigante dall’inizio alla fine fanno di Annabelle 2 Creation uno degli horror più intriganti degli ultimi anni e una visione ideale per questa estate in sala.

Annabelle 2 Creation è un film terrificante, degno erede di The Conjuring

Sandberg riesce a dare vita demoniaca alla bambola Annabelle, giustificando sapientemente gli avvenimenti horror del film che si mantiene ben bilanciato fino ad un finale pieno di sangue e di pathos irresistibile. Il film spazia in continuazione costringendo ad un’attenzione costante lo spettatore che si sentirà ipnotizzato da Annabelle e per questo più vulnerabile alla paura. Se la prima parte vede anche dei passaggi più comici e una costruzione narrativa tale da permettere la caratterizzazione di ogni personaggio nella seconda Annabelle 2 diventa terrore puro, sicuramente apprezzabile anche da chi è amante del genere per l’ottima ferma regia che fa di Sandberg un candidato illustre per i prossimi capitoli della saga. Questo secondo capitolo potrebbe coniugare finalmente di nuovo a distanza di quattro anni dal primo “The Conjuring” di James Wan il binomio qualità/box-office ormai sempre più raro in tutti i generi del cinema contemporaneo.

Valutazione finale Annabelle 2 Creation

[yasr_overall_rating]

Commenta su Facebook!

Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

View all posts

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS I Film in uscita